9 marzo 2007

QUOTA 88

Ebbene sì amici, grazie al prode Marco Froll…ops intendevo Follini, che dopo essersi distaccato dall’Udc ha creato un nuovo partito dal tolkieniano nome di “Italia di mezzo” ( i fan della saga fantasy stanno già formando una solida base d’appoggio al movimento), il totale dei partiti italiani è salito alla magica quota di 88, numero importantissimo per i nostri cari amici nazifascisti (per chi non lo sapesse l’ottava lettera dell’alfabeto è l’H, dunque 88=HH=Heil Hitler, ne sanno una più del diavolo, quindi guardatevi da strane felpe che ci sono in giro). Ritenendomi quantomeno interessato alla vita politica del nostro paese, mi sono accorto che anche sforzandomi mi tornavano alla memoria al massimo una trentina di partiti e partitucoli, e ho pensato che poteva essere dunque interessante fare una piccola selezione di quello che è la politica al di fuori dei grandi partiti che noi tutti conosciamo.

Ecco dunque, presentata come neanche Maurizio Seimandi poteva fare (mi scuso d’aver rubato un mitico personaggio anni ’80 a Fabrizio Aurilia) la Superclassifica dei partiti minori Italiani!


Al 10° posto troviamo ALLEANZA MONARCHICA! Scopo di questo partito, ovviamente, è la restaurazione della monarchia in Italia, sotto l’egida del buon Vittorio Emanuele di Savoia: a pensarci bene forse non sarebbe neanche troppo male. Bordelli e cocaina legalizzati, e i Sardi finalmente avrebbero la loro tanto amata indipendenza, che ci “stanno sui coglioni e puzzano pure”, per dirla col nostro integerrimo sovrano.


Al 9° posto sale di posizione ITALIA DI NUOVO! Fondato dall’ex presidente della Croce Rossa Maurizio Scelli, criticato aspramente da attivisti del CRI per questa scelta, trattasi di un partito dichiaratamente centrista, in realtà molto vicino all’idea politica di FI (tant’è che alla conferenza di battesimo del movimento interviene lo stesso Berlusconi). Infatti dal sito leggiamo: “Italia di Nuovo è un movimento politico molto giovane che si propone come valida alternativa in un sistema partitico consumato…” e “Italia di Nuovo sceglie di non allearsi né con la destra, né con la sinistra, costituendo un terzo polo”; salvo poi scoprire che si è alleato con la CdL alle amministrative di Maggio 2006. Sapete, superare la soglia del 4% è dura eh?


All’8° posto, il MOVIMENTO FASCISMO E LIBERTA’! Motivo principale della sua ribalta agli onori della cronaca è il fatto che è l’unico partito italiano a proclamarsi dichiaratamente fascista, in barba ai reati di apologia del fascismo (legge Scelba) e ricostituzione del partito fascista. Inoltre hanno uno statuto che è un capolavoro di revival del linguaggio dei cinegiornali del Ventennio.


Al 7° posto, la lista NO EURO! Scopo del partito è…eliminare l’euro. Punto.


Al 6° posto scende di qualche posizione, ma è sempre stabile nella Top Ten, il PARTITO MARXISTA-LENINISTA! Costoro, esponenti del comunismo ortodosso ispirato ai “5 maestri” (Lenin, Mao, Marx, Engels e soprattutto Stalin), rivendicano per loro la verità unica e assoluta sulla dottrina socialista definendo “trotzkisti” tutti i partiti comunisti governativi. Dopo aver aspramente criticato il governo Berlusconi, ora criticano anche il governo Prodi da sinistra con diversi documenti tra cui il mio preferito intitola “Lottiamo contro il governo Prodi della “Sinistra” borghese per l’Italia unita, rossa e socialista”.


Al 5° posto… CIOCIARIA XXI ^ REGIONE! Non ho trovato molte informazioni su questo partito, ma presumo chieda l’elevazione del territorio ciociaro al rango di regione autonoma: chiedo lumi.


Ci avviciniamo al podio, 4° posto, S.O.S ITALIA! Dallo statuto: “
S.O.S. Italia è un movimento spontaneo di cittadini ispirati da sentimenti di libertà e di rispetto”, libertà e rispetto che a parere loro si articolano nei seguenti obiettivi “affermazione dei valori della tradizione e delle radici cristiano cattoliche proprie della comunità dei cittadini occidentali ed in particolare dei cittadini italiani.”, e poi “blocco della islamizzazione dell’Italia delle sue regioni e dei suoi comuni”, “blocco totale dell’immigrazione clandestina e di ogni possibile forma di invasione extracomunitaria del nostro Paese”, e infine “riaffermazione del principio di priorità di intervento in favore dei cittadini italiani rispetto ad ogni tipo di assistenza economica diretta e indiretta deliberata in favore di cittadini non appartenenti all’Unione Europea.” Sei tedesco? Wunderbar! Sei il benvenuto fra noi, cittadini uguali del mondo! Albanese? Fila nei ghetti, pezzente!


Siamo giunti al podio, medaglia di bronzo a… M.I.L, MOVIMENTO INDIPENDENTISTA LIGURE! Finalità del movimento è recuperare (cito dallo Statuto, redatto peraltro molto professionalmente in Comic Sans MS di Word) “per conto dell’attuale Popolazione Ligure… con azioni politiche e giuridiche la Sovranità di Nazione Indipendente perduta temporaneamente nel 1814 a causa dell'illegittima decisione assunta dal Congresso di Vienna (1814-15) mai ratificata da un plebiscito popolare”. Non abbisogna di un commento.



Medaglia d’argento a… i VERDI VERDI! Di questi potreste ricordare il simbolo, presente alle scorse elezioni comunali, quello con l’orsetto su sfondo blu e la scritta “L’AMBIENTA-LISTA”. Trattasi di un partito ecologista, fondato dal professore di ginnastica Maurizio Lupi, sulla scia dei Verdi, di cui però non condivide la posizione vicina alla sinistra radicale (e perciò si è alleato con Berlusconi, maggiore industriale d’Italia). Un’ultima curiosità: alle ultime elezione avrebbero voluto presentarsi con un simbolo praticamente identico a quello dei Verdi, tanto da indurre la Corte di Cassazione a escluderlo, per cui adottarono il simbolo descritto poco fa. Qualcuno ha detto civetta?


E infine…rullo di tamburi...
medaglia d’oro, the winner is… la LEGA MASCHIO!!! Il partito, fondato dall’illustrissimo Salvatore Marino, crede nella “riqualificazione della figura del maschio a tutela dei suoi diritti contro L’ABUSO DI POTERE da parte del Nazi-femminismo e dei promotori e promotrici dell’omosessualità maschile”. Marino si è candidato con la Destra Nazionale alle ultime elezioni regionali in Abruzzo con lo slogan “Votalo! Perché lui ha le palle!”. In una serie di veri e propri deliri machisti la homepage del suo sito si conclude con queste illuminanti parole:

“S.O.S. L’ITALIA E’ SOTTO LA DITTATURA COMUNISTA, FEMMINISTA ANTI-CRISTIANA. IL POTERE ALLE DONNE HA DATO IL POTERE A SATANA IL QUALE REGNA SOVRANO NEL MONDO. CHIUNQUE APPOGGIA E PROMUOVE IL FASCISMO “ROSA” ED IL POTERE FEMMINISTA, PROMUOVE E LAVORA PER IL REGNO DI SATANA, STRINGENDO UN’ALLEANZA MALEDETTA SENZA RITORNO POICHE’ E’ ABOMINIO CONTRO DIO. E’ ORA DI SCHIERAMENTI E DI UN NUOVO ORDINE SACRO. COMBATTIAMO NOI CREDENTI DI TUTTO IL MONDO, QUESTO POTERE DELLE FEMMINISTE, LESBICHE E DITTATRICI. DIFENDIAMO LA DEMOCRAZIA E LOTTIAMO PER IL REGNO DI DIO.

I POPOLI DI DIO UNITI CONTRO IL POPOLO UNICO DI SATANA: IL FEMMINISMO OMOSESSUALE MONDIALE.”


Se avete altri partiti da segnalare, non esitate a contattarci: non è esclusa una seconda parte quando arriveremo a quota 100!


Davide Bonacina


5 commenti:

  1. Complimenti: articolo davvero esilarante!
    Laura

    RispondiElimina
  2. ma perchè non andate a studiare invece di sparare stronzate a rotta di collo?
    Per la cronaca quello nella foto non è Vittorio Emanuele III che fu re dal 1900 al 1946. Cavolo che ignoranza sti articolisti oltre che tanta presunzione...

    io metto voi all'ultimo posto!

    RispondiElimina
  3. Trovo soltanto adesso questo meraviglioso (e allo stesso tempo scoraggiante) articolo! Condivido la graduatoria, quella della Lega Maschio è la più oscena lista che mente umana potesse pensare. Mi vergogno della mia mascolinità...

    RispondiElimina